Resoconto Raid 2009

Si è svolto dal 3 al 12 luglio, il Raid della Cooperatori, quest’anno intitolato “Tour des Hautes Alpes 2009”.

Tour des Hautes Alples 2009   03/07/09 – 12/07/2009

 L’anno 2009 rappresenta un anno particolare per tutti noi, ma soprattutto per la famiglia Iotti. Nel 2009 ricorre il ventennale della scomparsa del nostro caro amico Iotti Amos. Motivo questo che ha spinto il team organizzatore a farci ripercorrere le mitiche salite del Raid 1986, ultimo di Amos. Tutti noi motivati da questa memoria, abbiamo affrontato questo  Raid (molto duro) con cattiveria e con una convinzione certa, di essere sostenuti e accompagnati nella sua memoria.

Peccato che il fratello Valentino, dopo tre giorni sia stato abbattuto non dalla strada ma da una cruenta influenza. In compenso il figlio Paolo ha dimostrato ancora una volta di avere il carattere  e la forza del padre Amos.

Come ultimo, voglio ricordare a tutti la presenza, come sempre, di un certo Enzo GOZZI. Lo voglio ricordare non tanto per ciò che rappresenta e ha rappresentato nella società Cooperatori, ma soprattutto perché ha dimostrato a tutti noi cosa significa carattere, convinzione e forza mentale, essenziali per portare a termine un Raid così impegnativo alla soglia dei 78 anni. Bravo vecio, complimenti.

 Il gruppo ciclisti (n. 12) è così composto:

Valentino IOTTI (centocollista e capo spedizione), Paolo IOTTIStefano FERRARI, Eugenio IOTTI (lo stratega del Raid e artefice delle fatiche sue e di altri), Luciano FOLLONI, Marzio FERRABOSCHI(con lui la simpatia e il nocino non mancano mai), il sottoscritto Leonida BONETTI, Michele BARTOLI, Franco MANICARDI, Enzo GOZZI (la roccia), Mario PERI e Vanni LASAGNI (centocollista) ai quali si aggiungono due nuovi autisti Silvano e Mario che ringrazio a nome di tutti per aver svolto come sempre, un ottimo servizio. Nel pomeriggio del 10 siamo stati raggiunti da Massimo IOTTI, figlio di Valentino, accompagnato da altri tre  amici  Andrea BONACINI, Guido GUASTALLI, Francesca SECCHI, con l’intento (raggiunto in parte) di portare a termine l’ultima giornata del Raid, con la scalata del Col Vars e Col Agnello.

Sfogliando questo piccolo album di ricordi  Vi renderete conto di cosa significhi la passione per la bicicletta. Riteniamo tutti il modo migliore per ricordare amici scomparsi, soprattutto questo anno che ricorre il ventennale della scomparsa di Iotti Amos e che della bicicletta, oltre la passione, ne fecero un strumento di fratellanza e amicizia. Un insegnamento di cui ne siamo orgogliosi e rimarrà  sempre un punto di riferimento per tutti noi.

Mossi anche da un pizzico di incoscienza e ricerca d’avventura, ci spinge ad affrontare, anno dopo anno, prove sempre più impegnative come quella che è stata e che forse è stata anche la fine di un ciclo.

IL RAID 2009 è partito da Chianale, scalando il colle Agnello e si è concluso sempre a Chianale  (dopo 726Km ufficiali 21 colli scalati, con oltre 19.796 m di dislivello, il tutto in otto tappe, con una media giornaliera di 91Km e 2.500m di dislivello giornaliero.

Complimenti ragazzi!! Un abbraccio.

Bonetti Leonida

 img_01  img_02  img_03  img_04

 

 

 

 

 

Scarica il programma della settimana del Raid >>>

Scarica e/o visualizza il dettaglio delle tappe:

1_tappa Pontechiale – Briancon Km 75,200 >>>

2_tappa Briancon – San Jean de Maurienne km 114 >>>

3_tappa St Jean de Maurienne – Alpe d’Huez km 90,100 >>>

4_tappa L’alpe d’Huez – Les deux Alpe km 69,000 >>>

5_tappa Embrun – Jausiers km 49,500 >>>

6_tappa Jausiers – Bonette – Jausiers km 85,000 >>>

7_tappa Jausiers – Cayolle – Jausiers km 136,800 >>>

8_tappa Jausiers – Agnello pontechianale km 98,200 >>>

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi