AMATORI: 13 AGOSTO S. Giacomo delle Segnate

MARCO BUCHIGNANI ” SUONA LA NONA …”

buchignani_vallaI tanti appassionati di ciclismo, pensionati del posto e non, giunti in questo ridente paesino della bassa mantovana, dopo il 13 agosto 2011 avranno qualche cosa da raccontare ai loro nipotini e la storia avra’ pressappoco questo inizio : ….” C’era una volta (e ci sara’ ancora per molto tempo),uno squadrone  reggiano che si chiamava asd cooperatori – scott ……….;Giaroli_Sapdoni perche’ tanta enfasi, beh il motivo e’ semplice , i vari atleti della pennelli cinghiale, del pedale bellariese, della avesani ecc prima della partenza stavano gia’ ipotecando (con la fantasia)le prime posizioni del podio della cat. Gentleman ma non avevano fatto i conti con i nostri atleti, che solamente dopo 2 km dalla partenza avevano ” infilato ” nella fuga buona(vedi foto)  le due ruote veloci Buchignani e Valla, con Giaroli e Spadoni alle spalle a spendersi in un ruolo di copertura massacrante ma molto efficace, che portava il drappello dei sette fuggitivi a disputarsi la volata finale che vedeva prevalere nettamente Marco Buchignani, alla nona vittoria stagionale , con Paolo Valla terzo a completare questo ennesimo grande successo di squadra.
Nella categoria veterani , ottima gara per il nostro Zaniboni, che chiude nelle prime quindici posizioni , mentre i tre “vecchietti terribili” Gualerzi, Cavatorti e Redeghieri dopo una gara sempre all’attacco chiudono in gruppo la loro fatica nella gara riservata ai super-gentleman.

Buone notizie arrivano anche dal nostro fortissimo atleta Andrea Magnani che giunge terzo sabato 13 agosto a Gropparello (pc) e quarto domenica a Roverbella (mn)

7 commenti
  1. pedivella64
    pedivella64 dice:

    Semplicemente ridicoli e patetici, se foste così forti come lo siete a scrivere le favole, allora si che sareste uno squadrone!! complimenti allo scrittore dell’articolo per la fervida fantasia, o se veramente ha visto quel che ha scritto, allora è vero che il caldo annebbia il cervello. Continuate così, poi alla fine si tireranno le somme!!!

  2. Ciclista 70
    Ciclista 70 dice:

    Cara pedivella64, secondo me ti stai sbagliando, visto che gli atleti della cooperatori si sono piazzati anche sabato 20 a Pieve di Coriano, e martedi a Canicossa….Non male direi!!! Continuate cosi ragazzi!!!! Ciclista70

  3. italia82
    italia82 dice:

    che tristezza….ma vi rendete conto che state parlando di garette amatoriali da 50 km??

    Siete penosi..

  4. morrocannataiadela
    morrocannataiadela dice:

    la madre degli imbecilli e’ sempre incinta e penso che nella zona del mio pseudonimo ne abbia partoriti parecchi…….la cosa veramente triste e’ che qualcuno di questi abbia fatto di queste “garette ” una ragione di vita !!!!

  5. Marco
    Marco dice:

    Leggo solo ora i commenti postati riguardanti la gara di S.Giacomo delle Segnate e, anche se non mi piace farlo, mi sento in obbligo di risposta.
    Evidentemente l’articolo del nostro autore ha scoperto il nervo dolorante del “Grande Campione”, che colpito e ferito nell’orgoglio si e’ sentito in dovere di rispondere alla nostra chat.
    Ce ne scusiamo vivamente; quello che e’ scritto sul sito non voleva sicuramente offendere nessuno ma solo dare risalto ed enfasi alla prestazione dei nostri soci/atleti.
    I “Grandi Campioni” per noi rimangono grandi come le immagini sacre…Dio ce ne scampi…non volevamo.
    Lo spirito con cui i Cooperatori affrontano questa disciplina, che tanto ci appassiona, e’ quello di divertirsi gareggiando, e debbo dire che risultati o no io continuero’ a farlo.
    Evidentemente il divertimento del Sig. Campione che si posta “pedivella 64” e’ altra cosa, e questo mi rammarica.
    Mi rammaricano soprattutto i termini con cui ci apostrofa che trovo piu’ adatti alla sua persona ed al suo modo di comportarsi.
    Non si proccupi, la Corona che si e’ messo in testa e’ sua e non gliela tocca nessuno, nientemeno noi; non penso che una gara amatoriale sia o debba essere motivo per una simile reazione, ed in effetti non stiamo parlando di questioni di vitale importanza, ma di uno sport che dovrebbe, oltre che essere una valvola di sfogo, soprattutto un qualcosa di aggregante (al di la’ del gesto sportivo) tra persone equilibrate e corrette.
    Nel porre termine a questo mio sfogo vorrei dire a “pedivella 64” che nonostante le parole da lui usate e alle citate somme che dovra’ tirare, io continuero’ a divertirmi e a praticarlo con grande serenita’ come penso continueranno a fare i miei compagni, nella vita si vince e si perde tutti i giorni, …… la bicicletta e’ un’ altra cosa.

    PASSO E CHIUDO, penso che l’argomento non meriti ulteriori risposte.

    Marco Giaroli.

  6. Maurizio
    Maurizio dice:

    Leggo ora la risposta del capitano…oltre ad essere solidale con lui mi rammarico sul fatto che uno sport di questo genere debba portare ad esagerazioni di questo tpo. L’enfasi dell’articolo ha solamente carattere ‘gogliardico’ e non capirlo francamente e’ più’ triste di qualsiasi altra cosa !

  7. spado
    spado dice:

    Caro Marco, condivido pienamente la tua risposta piu’ che esaustiva e che definisce perfettamente lo spessore intellettuale del nostro misterioso interlocutore (tale pedivella 64) al quale voglio far sapere che l’articolo che lo ha cosi’ irritato e’ stato scritto da me che mi chiamo Bruno Spadoni e che sabato 3 settembre correro’ probabilmente con lui nella categoria g3 a Rubiera… se vuole continuare a quattro occhi questo ineterssantissimo discorso e finalmente svelare la sua identita’ forse , dopo, saremo tutti un po’ piu’ sereni !

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi