Amatori – Coppa Lombardia

ASD Cooperatori 1° classificata nel prestigioso Trofeo

2012 - Coppa Lombardia - PremiazioniLa stagione si é ormai conclusa, tranne che per pochissimi stoici ed infaticabili campioni, alle prese con il trofeo delle 3 province, e la Cooperatori-Scott é sbarcata con grandi mezzi e forze in quel di Sondrio, per raccogliere il gradito e meritato trionfo nella Coppa Lombardia,  <Guarda le foto>  <Leggi l’articolo di PlayFull>quale ciliegina sulla torta di una lunga annata, ricca di soddisfazioni e successi, che ci ha visto primeggiare in lungo ed in largo per tutta la penisola, a partire dalle giovani leve per arrivare ad i più maturi ed inossidabili campioni della regolarità.

E migliore conclusione non poteva che essere questa, con l’ennesima “gita”, tutti compatti verso l’agognato traguardo, con conclusione trionfale a suggellare una splendida giornata, parafrasando una canzone del Vasco nazionale.

Ma andiamo con ordine: ritrovo della comitiva nei pressi del casello autostradale di Reggio Emilia alle 7.00. Una levataccia di questo tipo forse non la si faceva dai tempi di qualche memorabile gran fondo di stagione. Arrivo alla spicciolata con successivo appuntamento in autostrada per “beccare” ritardatari o quasi. Ci sono quasi tutti, i nostri eroi, capitanati dalla dirigenza in grande spolvero con signore al seguito, con il presidentissimo Valentino Iotti al comando, ed unici assenti Fausto Fornaciari, Loris Caselli, Corrado Ascari, Fabio Fontanesi, Diego Roberi ed il mitico Jaures Ferretti.

Lungo il viaggio una breve sosta in autostrada con relativa pausa caffé: l’atmosfera é rilassata, gaudente, lontani i ricordi della trasferta mitica della Marmotte, in Francia, ma la compagnia é come sempre piacevole e festante. Il tempo, incerto, ci regala ancora qualche scampolo di sole, anche se la temperatura é fredda: siamo ignari di quello che troveremo a Sondrio.

Si riparte decisi verso la meta, tutti insieme, quando un’incomprensione o, se volete, una disattenzione, ci fa dividere al bivio di Lecco: due indicazioni verso la stessa località, da prendere quella di sinistra, qualcuno allude anche ad una direzione politica, invece i più scelgono il bivio verso destra. Nulla di male, ci sentiamo per telefono e ci diamo appuntamento a Sondrio, direttamente al ristorante “La Brace”, nostra meta definitiva.

Ma ecco che il tempo cambia: dal sole passiamo alle nubi, poi alla pioggia, ed infine alla neve, inizialmente mista a ghiaccio, poi sempre più decisa. La temperatura é scesa ad 1°. Siamo preoccupati per il meteo, sì é vero, anche perché vediamo auto scendere con il tetto abbondantemente ricoperto di neve, ma “micca dobbiamo pedalare oggi”, dobbiamo solo mangiare, bere, stare in compagnia al caldo e raccogliere tutti i nostri premi, che vedrete non saranno pochi.

Arriviamo al ristorante, al fine quasi tutti insieme, e ci accomodiamo dopo le pratiche di rito, ad ascoltare Vittorio Mevio, organizzatore e padrone di casa, che sta già illustrando il programma della prossima stagione, del circuito Gran Trofeo, che prenderà posto, almeno in parte, della vecchia Coppa Lombardia, e presenta, soprattutto, le New Entry, le nuove gran fondo tra le quali la nostra, che raccoglie al 40° anniversario raggiunto, un giusto riconoscimento e traguardo.

Vengono chiamati sul palco i vari organizzatori degli eventi, tra i quali il nostro Valentino, che magnifica tutti i particolari della nostra competizione, illustrandone in breve percorsi e caratteristiche.

Ma ecco il momento più emozionante: entra nella sala annunciato da un suono di tromba (é vero, non si tratta di un eufemismo) il povero Giancarlo Piras. Per chi non lo conosce diciamo semplicemente che é uno di quei veterani che si fanno riconoscere da tutti, nel gruppo dei granfondisti, non solo per le capacità, é sempre tra i primi della sua categoria, la M6, ma per la gentilezza ed il sorriso che lo contraddistinguono. Io personalmente lo conosco da quando ho iniziato a correre, perché é un camperista come me e perché ci siamo conosciuti ed apprezzati, ma anche e soprattutto perché ci incontriamo sempre nei piazzali dove i camperisti che partecipano alle gran fondo stanno per tutto il week end della manifestazione. Giancarlo qualche mese fa é stato vittima di un incidente, un auto lo ha travolto, in allenamento, e lo ha costretto, dopo aver combattutto tra la vita e la morte, su di una carozzina. Il sorriso però, non l’ha perso, ed anche domenica si é presentato davanti a noi con la sua timidezza ed il suo solito sorriso. Mevio, ormai dopo tutti questi anni, suo grande amico, gli ha tributato gli onori del caso e, cambiando il cerimoniale, l’ha premiato per il 4° posto di categoria, raggiunto ugualmente nonostante l’incidente non gli avesse permesso di partecipare alla GF Giordana.

Passata la commozione, e superato il momento, sono iniziate le premiazioni: qui il nostro gruppo l’ha fatta veramente da padrone, suggellando la prima partecipazione a questo circuito con una serie di trionfi da far rabbrividire qualsiasi team. Dopo i successi degli scorsi anni si potrebbe ben dire che questa ennesima annata, ci ha consacrato tra le squadre più forti d’Italia. Non avremo corridori da piazzare nelle prime 10 piazze degli ordini di arrivo assoluti, ma va detto, che veramente nessuna squadra è riuscita in questi anni a raccogliere una serie di successi e trionfi come la nostra.

E domenica, ne abbiamo avuto la dimostrazione, con ogni singola ovazione e tripudio per ogni premiazione; ogni salita sul palco è stata da tutti noi sottolineata da urla, cori ed applausi, tanto che se ci fosse stato un applausometro, avremmo vinto anche questo.

L’apoteosi, va sottolineato, è stata, però, raggiunta con la premiazione di Davide Bendotti, che ha sostituito Jaures Ferretti, nell’apposita classifica della maglia nera dei percorsi medi (sottolineata da Mevio con un abbraccio e con la conferma della stima e dell’amore che porta verso chi vince questo tipo di classifica, la più difficile), e da ultimo con la premiazione di tutta la squadra al primo posto della speciale classifica dei km percorsi, che ci ha visto salire sul podio tutti insieme, in una corale, colorita e festosa foto di gruppo.

Andiamo, quindi, nell’ordine a segnalare ed evidenziare i nostri “vincitori” di categoria:

nei lunghi

Fausto Fornaciari 2° nella categoria M5, Mauro Salsi 9° nella categoria M6, Sergio Cavatorti e Loriano Gualerzi rispettivamente 3° e 4° nella categoria M8;

nei medi

Andrea Magnani e Matteo Zanetti rispettivamente 3° e 7° nella categoria M2, Claudio Colli 1° nella categoria M5, Loris Caselli 5° nella categoria M6, Livio Redeghieri 10° nella categoria M7, Cesare Valentini 4° nella categoria M8, e non dimentichiamo Davide Bendotti 1° nella classifica a tempo della maglia nera ed il 4° posto di Andrea Magnani ed il 10° di Claudio Colli nella classifica a tempo dei percorsi medi.

Al termine, stanchi ma felici, affamati come pochi, ci siamo messi a tavola, forse la nostra quella più numerosa, a consumare un pasto, per tempi e portate, quasi nuziale (giudizio complessivo ottimo, vi risparmio il menù), ed anche qui, se ce ne fosse stato il dubbio, ricordiamolo, la Cooperatori-Scott, si è distinta con forza e maestria nell’uso della forchetta e del coltello, forse anche nell’uso del bicchiere, primeggiando anche in questa speciale classifica. A margine la premiazione del Gran Trofeo (le 4 gran fondo organizzate dal GS Alpi), con nell’ordine, i nostri Magnani, Salsi, Cavatorti, Gualerzi e Valentini, che hanno raccolto l’ennesimo alloro.

Non c’è che dire, una splendida e memorabile giornata, con sentimenti diversi, forse, da quelli che hanno ispirato altre trasferte, ricordo sempre quella Francese per avervi partecipato, ma comunque in compagnia di amici, che comunque vada e passi il tempo, porterò sempre nel cuore, per averci fatto qualche pezzo di strada insieme, forse anche qualche gran fondo intera (vero Davide!), oppure qualche allenamento, piuttosto che qualche chiacchierata in sede, per averci passato splendidi, lo sottolineo, momenti di amicizia.

Insieme a questo racconto, vi ricordo di guardare le foto amatoriali scattate in quel di Sondrio, con le varie premiazioni (chiedo scusa a Fornaciari per averlo immeritatamente sostituito sul podio).

Per tutto quello che riguarda la ufficialità vi rimando al sito della manifestazione, www.coppalombardia.it.

A margine voglio ricordare, non per ordine di importanza, ma per altra sede di premiazione, l’ottimo risultato ottenuto dalla coppia di punta Fornaciari e Colli che in quel di Novi Ligure, al Museo Fausto Coppi sono stati premiati nel Giro delle Regioni, rispettivamente il primo, Fausto Fornaciari, come vincitore della categoria G1, nei percorsi lunghi, il secondo, Claudio Colli, come vincitore sempre nella categoria G1 nei percorsi medi.

Complimenti ad entrambi per l’ottimo risultato ottenuto, e per la splendida ed eccezionale stagione che ci hanno regalato.

Roberto Camorani

3 commenti
  1. luca martelli
    luca martelli dice:

    che dire…..ero li con voi come tutte o quasi le prove coppa lombardia,BRAVI E COMPLIMENTI A TUTTI.IO COME UN INTRUSO MI SONO SENTITO A CASA OVUNQUE ERAVAMO.GRAZIE ANCHE ANCHE A VOI PER IL MIO RISULTATO RAGGIUNTO.vi regalero un video con tutte le premiazioni del coppa lombardia.ciao a tutti e ancora grazie

  2. Il Profeta
    Il Profeta dice:

    Bravissimi tutti e bravissimo l’estensore dell’articolo, che ha saputo farmi vivere sensazioni splendide, nonostante non fossi presente a Sondrio.
    Ora,mentre le gambe si riposano, deve lavorare il cervello…dove raccoglierà allori la Cooperatori nel 2013?
    Siete invitati tutti in sede il martedì ed il venerdì per contribuire, con le vostre idee, a far nascere il programma per l’anno venturo.
    Altro appuntamento importante…8 DICEMBRE 2012…PRANZO SOCIALE alle Cantine di Canali…UN VERO COOPERATORE NON PUO’ MANCARE!

  3. "il capitano"
    "il capitano" dice:

    Ragazzi siete stati ancora una volta grandissimi, non ho parole per esprimere l’orgoglio che provo, permettetemi questo abbraccio virtuale a cui sento di confremare quello di tutti i soci Cooperatori. Come dice “il profeta”… ora e’ il momento del riposo, ma io ho gia’ in mente qualcosa per il prossimo anno e per l’immediato … vi aspettiamo le prossime settimane in sede per ragionarci sopra ma…… tenete l’arma ben affilata e calda, il nuovo anno e’ gia’ alle porte e la Cooperatori stia pronta alla pugna…… ancora Grazie Ragazzi e grazie anche a Roberto per lo splendido pezzo che ha scritto e che ci dimostra come si sia formato uno splendido gruppo unito e coeso, non solo sui percorsi di gara ma anche al di fuori … una bella famiglia.
    EVVAI !!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi