CESENA 16-6-2013 – LA COOPERATORI AL ROMAGNA SPRINT

3° appuntamento del circuito romagnolo di gran fondo cicloturistiche, e dopo le splendide manifestazioni di Bellaria e di Castrocaro Terme, del marzo e dell’aprile scorso, la nostra squadra risponde presente anche a questa prova, con sede di partenza ed arrivo a Cesena. Ottima la logistica quella fornita dal gruppo Ars et Robur di Cesena, organizzatore della manifestazione, tutta dislocata all’interno dell’Ippodromo del Savio di Cesena, con numerosi posti auto coperti, area camper, anche se questa impraticabile per la presenza del Circo Orfei, il parcheggio bici sicuro grazie ai lucchetti distribuiti a ciascun ciclista, così come l’apporto dei novanta volontari, che in occasione del Memorial Antonio Corzani, si sono messi a disposizione per curare il minimo dettaglio in fatto di sicurezza e di servizi ai partecipanti. Per finire, anche in questa occasione, un abbondante pasta party finale e ristori degni della miglior tradizione gran fondistica romagnola. Tre i percorsi anche in questa occasione, un lungo di 130 km con 1650 mt di dislivello, un medio di 93 km con circa 1000 mt di dislivello ed un percorso corto di 60 km, per tutti coloro che non si presentavano sufficientemente preparati in questo particolare momento della stagione. Il piatto forte di manifestazione erano tre salite, impegnativa la prima, Rocca delle Caminate, con le sue rampe in successione di cui l’ultima al 13%, più pedalabile e regolare (tutta al 5%) il Monte delle Forche, queste due caratterizzanti il percorso medio, ed il temibile e famosissimo Passo del Carnaio, celebre per essere stato palestra del “Pirata” Marco Pantani nelle sue uscite di allenamento, dove tutti coloro che hanno voluto affrontare il percorso lungo sono stati costretti a dare il meglio di sé. 11 km con pendenza media del 4% e punte fino al 12%, percorsi sotto un sole finalmente estivo. Ed estiva è stata la temperatura che ha caratterizzato sin dalle prime pedalate questa splendida giornata di sport. Insomma, per l’ennesima volta, ha avuto torto chi non era presente. Al via 7 dei nostri atleti. Purtroppo, infatti, Viviana Parmeggiani, era costretta a dare forfait per una fastidiosa infiammazione ad entrambe le ginocchia, e così Diego Roberi, Uber Codeluppi, William Beltrami, Jaures Ferretti, Pietro Rocchi, Davide Bendotti e Roberto Camorani, la ormai consolidata truppa romagnola, si è presentata al via compatta, per celebrare anche questa giornata di fatica, ma in armonia, serenità ed allegria. E così, mentre Roberi, si cimentava nel lungo, i nostri 6 rimanenti atleti, affrontavano uniti il percorso medio, ricompattandosi ogni volta al termine delle salite e ripartendo uniti dopo ogni ristoro (2 sul medio e 3 sul lungo). Complimenti veramente a tutti. 44° il piazzamento di giornata e 26° assoluto quello della classifica del Circuito. Veramente peccato per l’assenza di Viviana, che avrebbe dato un tocco di gentilezza a questa squadra di rudi maschiacci, e che ci avrebbe permesso di mantenere il 25° posto, utile alla fine della challenge per portare a casa un premio. Alla fine il pasta party, una volta tanto, tutti insieme, con presente Viviana, Valentina ed Arianna, le ultime moglie e figlia di Diego Roberi. Veramente una splendida giornata. Aspettiamo pertanto tutti i Cooperatori per la tappa del 4 agosto, sempre a Cesena, e per celebrare il gemellaggio con la US San Marco. Due ultime considerazioni: la prima è un grazie di cuore a Fabrizio Merli, vice presidente della US San Marco, che ha ospitato un paio dei nostri atleti, a cena la sera prima della manifestazione, e che il giorno dopo, ci ha degnato della sua compagnia per i primi 30 km del percorso. La seconda è per la crescita e la riuscita della manifestazione, che ha registrato ben 100 presenze in più rispetto all’anno scorso: il Memorial Corzani chiude infatti con 1249 iscritti totali (compresi gli abbonamenti al Romagna Sprint). Di questi ben 600 si sono messi alla prova sui 130 km del lungo. Decisamente buona anche la partecipazione femminile con 113 donne presenti.

1 commento
  1. Fiatogrosso
    Fiatogrosso dice:

    Poco da aggiungere alla cronaca sopra riportata. Questo circuito si rivela sempre più un piacevoile diversivo alle granfondo e un’occasione per conoscere percorsi e persone al di fuori della nostra provincia. Di nuovo, in questa occasione, il pedalare tutti assieme il che ha conferito un valore aggiunto alla partecipazione.
    I romagnoli fanno dell’ospitalità una missione; in nessun altro modo si potrebbero giustificare simili luculliani ristori ed abbondanti pasta party a cui abbiamo attribuito doveroso riconoscimento a suon di birre fresche, rigorosamente non alcoliche.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi