Giro di Sardegna

5 Tappa – Dolianova

CAVATORTI VINCE LA CATEGORIA MA NULLA CAMBIA IN CLASSIFICA

Grangiro con una tappa di 129 km vinta da Martucci a oltra 34 km/h di media ed il nostro “Baffo alcoolico” Cavatorti che finalmente coglie una vittoria di categoria M9, ma il suo 101 posto assoluto gli frutta solo 4″ di vantaggio sull’ormai irraggiungibile Vidale.logo_socogas_gruppo

Tappa di 96 km per il Mediogiro e vittoria di Prati Maria Cristina in poco meno di 3 ore con tutti i migliori che sono giunti assieme al traguardo. Occasione persa e distanze immutate fra il nostro Bartoli ed il primo della M7 Gualtieri, mentre Ferraboschi e Valla giungono appaiati in 16^ e 17^ posizione.

 

6^ Tappa – Chia e classifica finale

GRANDI CAVATORTI E BARTOLI, ENTRAMBI SUL SECONDO GRADINO DEL PODIO.

FERRABOSCHI E VALLA CHIUDONO CON ONORE

Tappa breve (50 km) con percorso comune per Gran e Mediogiro, ma tensione alle stelle per via dei distacchi minimi fra i contendenti. Nel Grangiro vince la tappa Podestà ma la vittoria finale va a   per meno di 1 secondo. Nella M9 Vidale precede di 5 minuti Cavatorti ma le posizioni in classifica generale erano ormai cristallizate; Sergio (101° assoluto) anche quest’anno non torna in continente a mani vuote ed aggiunge questa bella seconda posizione al suo palmares; …BRAVISSIMO.  Tappa combattuta anche nel Mediogiro con Cipriani che taglia per primo il traguardo in solitaria e si aggiudica anche la generale.  Nella M7 Gualtieri e Bartoli (58° assoluto a soli 40′ dal vincitore) giungono assieme sotto il filo di lana, e per Michele questo significa la seconda posizione nella classifica finale del Giro di Sardegna. Grandissimo, perchè sa arrivare sul podio è difficile, ripetersi lo è ancora di più; resta l’amaro in bocca perchè il distacco dal primo (poco più di 3 minuti) è stato veramente sottile, ma alla fine bisogna sapersi accontentare.

Valla e Ferraboschi anche oggi arrivano a braccetto e figurano vicinissimi anche nella generale, con Marzio (114°) a precedere Paolo (116°) di 1 minuto.

Al termine possiamo dire che la Cooperatori è stata rappresentata benissimo anche quest’anno dai suoi atleti e gli allori conseguiti parlano chiaro. Complimenti a tutti e un augurio che la “gamba sarda”, come sempre succede, possa favorire altri successi nelle prossime competizioni “nostrane”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi