LA COOPERATORI TRIONFA NEL NOBILI – UNA STAGIONE DA INCORNICIARE

Ancora un successo da annoverare nella già ricca bacheca della Cooperatori.
La vittoria nella challenge per società del Nobili.

Domenica 23 novembre, si è conclusa definitivamente la stagione granfondistica della nostra società con l’ultimo atto, la premiazione dei Nobili e Supernobili delle Granfondo, che si è tenuta nella splendida cornice di Villa Mariani Galgiana di Casatenovo in provincia di Lecco, sicuramente una degna cornice ancor più se la cerimonia fosse stata estiva.

logo_socogas_gruppo
Al di là del gossip, è d’obbligo sottolineare l’aspetto più importante, il primo posto ottenuto dalla nostra squadra in questa manifestazione, che racchiude alcune delle più belle e celebrate granfondo nazionali.
Manifestazione di carattere nazionale, dove si confrontavano società provenienti dall’Emilia, dalla Lombardia e dal Veneto. Per il sesto anno consecutivo la nostra squadra centra l’obiettivo primario di salire su uno dei gradini più alti del podio, e dopo il Regioni, il Brevetto dell’Appennino, la Coppa Lombardia – Grantrofeo Multipower, giunge l’ennesimo quanto inaspettato trionfo. Inaspettato proprio perché la doppia partecipazione a Alé Challenge e Nobili rendeva difficile un tale risultato, giunto oltre ogni più rosea aspettativa. Un premio che celebra tanto la combattività del nostro gruppo, quanto la solidità e la serietà nell’’assumersi un impegno protratto nel tempo.
Questo evento ci da modo di fare un resoconto della stagione agonistica appena conclusa, che ci ha visto impegnati, appunto, in ben 5 circuiti.
Ma andiamo nell’ordine: parliamo ancora di NOBILI. Il circuito ci vedeva impegnati in 8 granfondo complessive da aprile a settembre: Fi’zi:k, Colnago, Valli Bresciane, Merckx, Giordana, Marcialonga Cycling, Charly Gaul e come ultima la Scott di Piacenza. Al fine 16 brevettati con le perle di Mauro Salsi e dell’immarcescibile Sergio Cavatorti, primi di categoria, nei
lunghi, l’immenso Fausto Fornaciari, 2° di categoria sempre nei lunghi, e Stefano Viappiani, 2° di categoria nei medi. Ricordiamo anche gli altri: Friggeri Andrea (10° cat. Senor), Alessandri Davis e Bertacchini Denis (6° e 9° cat. Master 1), Salsi Stefano (6° cat. Gentlemen 1),  Giaroli Marco (9° cat. Gentlemen 2), Redeghieri Livio (9° Supergentlemen 1), Parmeggiani Viviana (8° cat. Femminile 2). Per Viviana, segnaliamo dopo solo 2 anni di gare, l’ottimo risultato, che vede a distanza di 4 anni dal successo di Silvia Iotti, 3° di categoria nel Regioni 2010, il ritorno di una donna Cooperatori ai vertici delle graduatorie. Ricordiamo tra i brevettati anche Roberto Camorani, Alessandro Castagnetti, Andrea Corradi, Alberto Ferrigno e Pietro Orrini.

ALE’ CHALLENGE: quest’anno il circuito di punta della famiglia Sportservice, tanto è vero che la nostra compagine vedeva di buon grado questo come il risultato di prestigio da ottenere, ma un’agguerrita tanto qualificata concorrenza ci poneva solamente al 8° posto come team, comunque con ben 13 brevettati. Neppure il massimo conseguito nel Nobili, ci avrebbe permesso di ottenere il podio, basti dire che nei primi 3 piazzamenti vediamo il Team GF Pinarello con 38 brevettati, seguito da AR Team Armistizio con 34 brevettati e al terzo posto il GS Prasecco Biesse con 22 brevettati. Selle Italia, Liotto, Fi’zi:k, Merckx, Giordana, Marcialonga Cycling, Pinarello e Charly Gaul per chiudere, le 8 gare che hanno designato le classifiche. Anche in questo circuito vanno comunque segnalati gli ottimi piazzamenti dei nostri atleti, con ben 9 piazzati nei primi 10 premiati di categoria, su tutti Sergio Cavatorti (1°cat. SG2 Lunghi), ottima doppietta la sua, e Fausto Fornaciari (1° cat. G1 Lunghi). A seguire Mauro Salsi (2° cat. SG1 Lunghi), Stefano Viappiani (2°cat. V1 Medi), Andrea Friggeri (6° cat. S

Medi), Stefano Salsi (6° cat. G1 Medi), il capitano Marco Giaroli (7° cat. G2 Medi), Pietro Orrini (8° cat. S Lunghi) e Denis Bertacchini (10° cat. M1 Medi). Non c’è che dire, per Fornaciari, Cavatorti, Viappiani ed il duo Salsi, l’ennesima stagione da incorniciare. Da menzionare anche tutti gli altri brevettati: Alessandro Castagnetti, Andrea Corradi, Alberto Ferrigno e Livio Redeghieri, al pari degli altri, meritevoli di citazione.

GRAN TROFEO MULTIPOWER: primo circuito dell’anno ad aprire le danze, il noto circuito del patron Vittorio Mevio, non era meno importante degli altri, sicuramente per l’inserimento della Nostra Granfondo. Purtroppo un programma fitto di impegni come il nostro, non poteva permettere ai più di iscriversi in massa, tant’è che la difficoltà maggiore nel parteciparvi, aldilà delle tanto splendide quanto impegnative manifestazioni annoverate, era il mantenere una continuità di rendimento, nonché lo ripetiamo, di impegno su 10 gare, da febbraio a settembre. Ricordiamo, infatti, tra queste le GF di Laigueglia, la Perini di Carpaneto Piacentino, la Tre Laghi, la Giordana (ex Pantani), la Fausto Coppi di Cuneo, la Mont Blanc di Courmayer e, per concludere la GS Alpi e la Noberasco di Albenga.
Al via 4 degli stakanovisti della Cooperatori: Davide Bendotti, Roberto Camorani, Mario Peri e Diego Roberi. Purtroppo Peri, a causa di problemi famigliari non riusciva a brevettarsi, cosa riuscita a Roberi con un brillante 10 su 10, davvero degno di menzione, mentre Bendotti e Camorani centravano l’obiettivo all’ultima granfondo, con un 9 su 10 che la dice
lunga su quanto potesse essere difficoltoso giungere all’agognato brevetto, tant’è che con soli 3 brevettati la nostra società chiudeva al 7° posto. Dal punto di vista individuale nessun risultato di particolare prestigio: Bendotti, partito con l’intento di doppiare la maglia nera vinta nel 2011 ed il 2° posto dello scorso anno, si è arenato sullo scoglio del Gavia e del Mortirolo ed è uscito di scena quando era secondo. Camorani, animato da buoni propositi, sfiora per 5 punti il 15° posto su 30 partenti nella categoria, con un circuito tutto condotto a recuperare posizioni su posizioni, vista la non brillante partenza nelle GF di febbraio e marzo.

BREVETTO DELL’APPENNINO: al via il solo Davis Alessandri. 5 le gare previste nel tradizionale circuito, una volta Coppa Emilia, ora circuito interregionale che percorre la dorsale appenninica tra Liguria, Emilia e Toscana: Camogli, La Spezia, la Perini di Carpaneto Piacentino, il Diavolo in Versilia e la nostra GF Cooperatori, le gare interessate. Alessandri
portabandiera della Cooperatori, ben figura concludendo al 2° posto della categoria master 1, e disputando un circuito tutto all’insegna della qualità. Se pensiamo anche al risultato del Nobili, possiamo dire che anche la stagione di Davis sia stata una brillantissima annata. Davvero complimenti anche a lui.

MARE D’AUTUNNO: ultimo circuito, non per importanza ma per organizzazione temporale, confinato com’è nell’ultimo periodo dell’anno. 3 splendide granfondo, quelle contenute nel contenitore, la cui caratteristica é per l’appunto quella di portare i granfondisti, agli sgoccioli di stagione, nella riviera ligure, dove tra il mare e l’entroterra, i concorrenti e le
loro famiglie hanno avuto il modo di godersi il piacere del mare a settembre e ottobre. Tre località ben note hanno avuto l’onore di accogliere la logistica delle gare: Deiva Marina, per la rinomata Granfondo delle 5 Terre, Albenga per la Granfondo Noberasco di Patron Mevio e Pietra Ligure per la Sité de Pria, sapientemente organizzata dal gruppo Loabikers della celeberrima Granfondo di Loano, in sostanza il comitato che organizza l’inizio e la fine della stagione granfondistica.
Al via un solo nostro atleta: e chi se non lo stakanovista delle granfondo, Roberto Camorani? Roberto iscritto per preparare il finale di stagione e le ultime del Gran Trofeo Multipower, coglie un non significativo 20° di categoria, ma soprattutto suggella la propria stagione (culminata con la partecipazione alla Granfondo Campagnolo di Roma insieme all’’amico Davide Bendotti) con un brillante 63° assoluto nazionale nella speciale classifica di SDAM per i chilometri percorsi in gara con il chip MySdam, dopo 3 brevetti e 15 gare tutte chiuse onorevolmente, dimostrando costanza,
regolarità ed impegno per tutta la stagione. Una stagione anche per lui da incorniciare, per essere stato capace di migliorare tutti i tempi personali in ognuna delle granfondo cui ha partecipato, dalla Nove Colli, alla Sportful dove ha saputo migliorare il proprio timing di un’’ora, dalla Giordana, alla Fausto Coppi ed alle ultime di stagione.

PER LA COOPERATORI ANCORA UNA STAGIONE DA INCORNICIARE……………

3 commenti
  1. "il capitano"
    "il capitano" dice:

    L’invincibile armata, pur se impegnata su troppi fronti, anche quest’anno lascia il segno e marca il territorio. COOPERATORI FOREVER.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi